Ci sono cose peggiori delle sigarette, lo sapevi? No, non parlo solo di droghe e stupefacenti, ma addirittura di cibi che potresti mangiare tutti i giorni. Eppure, sebbene nessuno si azzarderebbe mai a fumare in presenza di un bambino o addirittura a permettere ad un bambino di fumare, per quanto riguarda certi cibi non ci creiamo nemmeno il dubbio.

la microvita

Il consumo di carne è associato a un aumento del rischio di più di venti malattie diverse, ma quanto è alto questo rischio? (1)

Per confrontare tra loro diversi rischi cronici, i ricercatori hanno ideato il concetto di “microvita”, definita come trenta minuti della nostra aspettativa di vita. Ad un ragazzo di 20 anni possono rimanere circa 57 anni di vita. Sono circa 20.000 giorni, mezzo milione di ore o un milione di mezze ore.
Una microvita è una del milione di mezze ore che ci restano.

Le microvite incoraggiano la metafora secondo cui le persone attraversano la propria vita a velocità diverse a seconda del loro stile di vita. Ad esempio, qualcuno che fuma 20 sigarette al giorno consuma circa 10 microvite, il che potrebbe essere interpretato come una corsa verso la morte a circa 29 ore al giorno invece che a 24. Questa idea di invecchiamento precoce si è rivelata un’idea metafora efficace nell’incoraggiare il cambiamento comportamentale.

Confronto dei rischi

Vedete quanto può essere utile questo in termini di confronto dei rischi?

Bere una pinta di birra scura, ad esempio, riduce la tua aspettativa di vita tanto quanto fumare una sigaretta. Se è impensabile per te fumare due volte al giorno, allora dovrebbe essere altrettanto impensabile bere alcolici.

Ogni giorno passato avendo cinque chili di sovrappeso ci costa 2 microvite (2), come guardare la televisione 2 ore al giorno o come mangiare una porzione di carne rossa.

Una radiografia del torace riporta una persona di mezza età indietro di circa 2 microvite, mentre una TAC dell’intero corpo pesa circa 180 microvite.

Cosa allunga la vita?

In alternativa, puoi confrontare i comportamenti che prolungano la vita.

Ad esempio, mangiare almeno cinque porzioni giornaliere di frutta e verdura può allungare la durata della vita in media di quattro anni. Questo è circa due volte più vantaggioso rispetto al beneficio dell’esercizio fisico quotidiano.

Ma anche esercitarsi per venti minuti può aggiungere un’ora (due microvite) alla tua vita. Quindi, per tutti coloro che affermano di non avere tempo per allenarsi, l’esercizio fisico dà potenzialmente un tre a uno di ritorno sull’investimento. Dai venti minuti della tua vita per ottenerne teoricamente sessanta in più. Aumentando il tempo ci sono rendimenti decrescenti, ma esercitati un’ora al giorno e potresti comunque recuperare più tempo di quello che hai dedicato (3).

Gli hamburger

E la carne? Un singolo hamburger è associato alla perdita di una microvita. Mangiare un hamburger vale trenta minuti della tua vita (3) Quindi, in termini di durata della vita, un hamburger sembra equivalere a due sigarette. Se non vuoi fumare perchè fa male, forse dovresti anche preferire un bel piatto di fagioli invece della bistecca.

Uova

Anche un panino con delle uova non è un’ottima scelta. Nel 2021 è stato pubblicato il più grande studio prospettico mai realizzato su uova e mortalità, il NIH-AARP Diet and Health Study, sponsorizzato dal National Institutes of Health e dall’American Association of Retired Persons, che ha seguito più di mezzo milione di persone per un periodo medio di 16 anni. Ogni mezzo uovo al giorno era associato a un aumento del 7% della mortalità per tutte le cause, (4) il che renderebbe un uovo alla pari con un hamburger in termini di riduzione della durata della vita.

La pancetta causa il cancro

La carne processata è anche peggio. Immagina due persone identiche in tutto e per tutto, tranne che una consuma circa 50 g di carne processata al giorno (circa una salsiccia grande, un hot dog o qualche fetta di pancetta) e l’altra non ne mangia. Si prevede che il consumo di una sola porzione giornaliera di carne processata farà perdere circa due anni di vita. (6)
Se lo guardiamo dal punto di vista della microvita, ogni porzione di carne processata che mangi ti toglie 2 microvite, ovvero è come se invecchiassi ogni giorno 1 ora di più. (6)
Hai mai la sensazione che non ci siano mai abbastanza ore nella giornata? Bene, potresti avere effettivamente un’ora in meno a seconda di cosa metti in borsa per pranzo.

La carne processata (pancetta, salumi, hot dog e simili) provoca il cancro.

Nel 2015, il più prestigioso istituto di ricerca sul cancro al mondo ha classificato la carne processata come cancerogena del gruppo 1, una sostanza nota per causare il cancro. (7) I critici hanno messo in dubbio che la carne processata venga inserita nella stessa classificazione cancerogena dell’amianto, del tabacco e del gas nervino, ma le classificazioni si riferiscono alla forza dell’evidenza che la sostanza causi cancro oppure no, non tanto quanto sia letale. (8)

Tutte le sostanze classificate nel gruppo 1 non sono ugualmente pericolose. (9) Anche se sono entrambe cancerogene del gruppo 1, è più sicuro mangiare un panino ripieno di simmental che di plutonio.

Quanto è pericolosa la carne processata?

Il rischio elevato di cancro del colon-retto è del 18% per ogni 50 g di carne processata consumata al giorno, quindi se mangiassi un panino con due piccole fette di mortadella ogni giorno a pranzo, aumenteresti il ​​rischio di cancro del colon-retto del 18%. Mezzo chilo di kebab con carne mista potrebbe aumentarlo di circa l’80%. (10)

Come si confronta il “rischio di cancro aumentato del 18%” rispetto ad altri comportamenti a rischio?

 “Cerchiamo di non fumare in presenza dei nostri figli, quindi perché dovremmo mandarli a scuola con un panino con la mortadella?” Può sembrare una metafora iperbolica, ma non è un’esagerazione. Secondo Surgeon General, vivere con un fumatore aumenta il rischio di cancro ai polmoni del 15% (11).
Quindi, respirare fumo passivo giorno dopo giorno aumenta il rischio di cancro ai polmoni quasi nella stessa misura in cui si mangiare carne processata aumenta il rischio di cancro del colon-retto.
Il cancro del colon-retto è la seconda causa di morte per cancro, dopo il cancro ai polmoni (12).

Quindi, se non fumi, il cancro del colon e del retto potrebbe essere la tua più grande nemesi. Ma puoi ridurre questo rischio di quasi un quinto semplicemente eliminando una porzione di carne processata dalla tua dieta quotidiana.