Nel viaggio alla scoperta dei segreti sulla longevità e la salute le sirtuine (di seguito anche chiamate: Sirt) giocano un ruolo importante. Queste proteine:

  • preservano l’integrità del DNA (1)
  • potenziano la capacità di riparare il DNA (2)
  • riducono l’infiammazione (3)
  • contribuiscono al mantenimento dei telomeri (4)
  • migliorano la massa ossea, la glicemia e riducono il rischio di tumori (5)

I livelli di sirtuine nel sangue si riduce con l’invecchiamento e un declino più veloce è associato a maggior fragilità (6), declino cognitivo ed Alzheimer (7).
Tutto ciò suggerisce che i livelli di sirtuine nel sangue possono essere uno strumento affidabile per analizzare l’invecchiamento di una persona (8).

Cosa sono le sirtuine

Le Sirt sono degli enzimi che mantengono il nostro DNA avvolto in modo ordinato attorno a proteine ​​simili a bobine e, così facendo, silenziano qualunque gene si trovi in ​​quel tratto di DNA. Infatti il nome SIRtuins sta per Silencing Information Regulator (9).

Dopo essere state scoperte, si sono comprese una miriade di altre funzioni delle sirtuine, inclusa la loro capacità di attivare o disattivare più di cinquanta altre proteine.
Ma ciò che più entusiasma la comunità scientifica riguardo a questi enzimi regolatori è che l’aumento della loro attività potrebbe prolungare la durata della vita dei lievito fino al 70% (10).
L’aumento delle sirtuine aumenta anche la durata della vita di altri organismi modello – vermi e mosche – portando a grandi speranze che possa fare lo stesso nei mammiferi (11).

In alcuni modelli murini, si è scoperto che la sovraregolazione delle sirtuine prolunga la vita (12), ma la maggior parte degli studi sui topi hanno semplicemente mostrato vite più sane, piuttosto che più lunghe (13), guadagnando così alle sirtuine il titolo di “guardiane della salute dei mammiferi” (14).

studi su uomo

Indipendentemente da ciò, questi effetti sono stati riscontrati nei topi e devono ancora essere confermati negli esseri umani. Sappiamo, tuttavia, che non sembra esserci un’associazione tra l’eccezionale longevità nelle persone portatrici di una qualsiasi delle diverse varianti di almeno uno dei geni delle sirtuine (15). Come rifletteva un recensore, le Sirt potrebbero aver perso la loro immagine di  “Matusalemme”, ma possono ancora essere un utile “samaritano” metabolico (16).

Come aumentare i livelli di sirtuine nel corpo

Se hai letto questo articolo, saprai che l’enzima AMPK aumenta l’attività delle Sirt. Quindi, l’attivazione dell’AMPK tramite metformina, restrizione calorica, o esercizio può portare all’attivazione delle sirtuine.

Il digiuno di Buchinger (consumando solo una selezione limitata di succhi e brodo vegetale) può aumentare l’attività delle Sirt entro cinque giorni (17), così come il digiuno a giorni alterni per tre settimane (18), scendendo a 1.000 calorie al giorno per un mese (19),o sei mesi di Restrizione calorica del 25% (20).

Ci sono 2 modi grazie al quale l’AMPK aumenta le Sirt:

  • aumentando il livelli di NAD+ (21)
  • attraverso dei componenti specifici chiamati STACs (sirtuin activating compounds)

I componenti che attivano le Sirt

Sono numerosi i componenti che possono attivare le sirtuine. Il più conosciuto è senza dubbio il resveratrolo presente nella buccia dell’uva rossa e reclamizzato come toccasana quando si beve vino. Numerosi sono gli studi sul resveratrolo ma ad oggi nessuno ha riscontrato veri benefici sulla salute, insomma ci sono più ombre che luci.

Mele

In vitro, è stato dimostrato che gli estratti di mela attivano le sirtuine, così come l’AMPK e l’autofagia, sopprimendo al contempo mTOR (22).Forse non sorprende, quindi, che una meta-analisi di studi sulla popolazione abbia rilevato che coloro che mangiavano più mele avevano un rischio di morte prematura inferiore del 15% (23).

Quante mele significa “di più”? Nella categoria “alta” il consumo di mele ammontava in media a circa un quarto di mela al giorno. L’unico studio che ha esaminato il consumo massimo di mele – mezza mela al giorno rispetto a meno di una mela in un mese intero – ha riscontrato un rischio inferiore del 35% di morire prematuramente (24).
Nel corso della vita, ciò potrebbe tradursi in circa quattro anni in più (25).
È stato scoperto che un singolo fitonutriente della mela, la floridzina, aumenta l’espressione delle sirtuine e prolunga la durata della vita del lievito, sebbene aumenti anche i livelli dell’enzima antiossidante superossido dismutasi, quindi non è chiaro quale ruolo abbia giocato la sirtuina (26).

L’insieme è più benefico della somma delle parti

Aggiungendo la polpa di una mela a un lievito mutante che invecchia prematuramente che normalmente vive solo una decina di giorni, la sua durata di vita è aumentata a undici giorni, mentre l’aggiunta della buccia di una mela ha prolungato la sua vita fino a quattordici giorni.
Sembra che la maggior parte della roba buona sia nella buccia, giusto? Cosa prevedi che accadrebbe se aggiungessi sia la polpa che la pelle? Avrei immaginato che la mela intera avrebbe prolungato la durata di vita tra gli undici e i quattordici giorni poiché i componenti della buccia si sarebbero diluiti, ma mi sarei sbagliato. L’intera mela ha più che raddoppiato la sua durata di vita, portandola a ventuno giorni (27).

La regina delle spezie

Un membro della famiglia dello zenzero, il cardamomo verde (Elettaria cardamomum) è conosciuto come “la regina delle spezie”. In uno studio su pazienti con malattia del fegato grasso, quelli randomizzati a mezzo cucchiaino di cardamomo tre volte al giorno durante i pasti per tre mesi non solo hanno avuto miglioramenti nella funzionalità epatica e nei marcatori di infiammazione sistemica, ma hanno anche visto un aumento significativo dei livelli di sirtuina nel fegato e nel loro flusso sanguigno (28).

Come bonus, la stessa dose di cardamomo nell’arco di due o tre mesi può migliorare significativamente i marcatori di infiammazione e stress ossidativo (29),ed essere un modo sicuro, economico e conveniente per ridurre il livello di trigliceridi nel sangue di circa venti punti (mg/dL ) (30).

Cosa evitare?

I fumatori hanno ridotto i livelli di sirtuina nei polmoni (31), e in vitro, gli estratti di fumo di sigaretta riducono attivamente i livelli di sirtuina e l’attività nelle cellule polmonari, aiutando a stabilire causa ed effetto (32).I prodotti finali della glicazione avanzata (AGE) nel fumo potrebbero contribuire, poiché Gli AGE da soli sopprimono l’espressione delle sirtuine in vitro e la somministrazione di AGE ai topi provoca una carenza di sirtuine nel cervello, insieme a un deterioramento dell’apprendimento e della memoria (33).

Se ti interessa sapere cosa sono i prodotti finali di glicazione avanzata ti rimando a questo articolo.