Una conta più elevata dei globuli bianchi può essere un importante fattore predittivo dell’incidenza e della mortalità delle malattie cardiovascolari, della mortalità per cancro, della mortalità per tutte le cause e del declino della funzionalità polmonare; quindi, un importante predittore di attacchi cardiaci, ictus, declino della funzionalità polmonare, morte per cancro e morte prematura in generale.

Nessuna sorpresa, poiché il numero di globuli bianchi che circolano nel nostro flusso sanguigno è un “indicatore di infiammazione sistemica”. Il nostro corpo produce giorno dopo giorno più globuli bianchi in risposta agli insulti infiammatori.

Globuli bianchi e rischio di morte

Conosciamo questo legame tra un numero più alto di globuli bianchi e attacchi di cuore fin dagli anni ’70, quando abbiamo scoperto che un rischio maggiore di attacco cardiaco era associato a un numero più alto di globuli bianchi, proprio come lo era con livelli di colesterolo più alti e pressione sanguigna più alta, qualcosa che è sono stati riscontrati in quasi tutti gli studi condotti da allora. Decenni di studi, che hanno coinvolto centinaia di migliaia di pazienti, mostrano “tassi di mortalità… drammaticamente più alti” in quelli con una conta dei globuli bianchi più elevata.

Ma perché? “Perché… il conteggio dei globuli bianchi predice la mortalità?” Forse perché è un indicatore di infiammazione e ossidazione nel nostro corpo. In effetti, forse anche un biomarcatore della velocità con cui stiamo invecchiando.

Ma potrebbe essere più di un semplice indicatore di infiammazione, ma un attore attivo, che contribuisce “direttamente” alla malattia attraverso una varietà di meccanismi, inclusa l’effettiva “ostruzione” del flusso sanguigno.

Causa dell’invecchiamento

Il diametro medio dei globuli bianchi è di sette micrometri e mezzo, mentre i nostri vasi più piccoli sono larghi solo cinque micrometri. Quindi, i globuli bianchi devono schiacciarsi fino a assumere la forma di una salsiccia per poter passare. E, quando è presente un’infiammazione, queste cellule possono diventare appiccicose. Ecco altre immagini di un globulo bianco che ostruisce un vaso mentre esce da una piccola arteria, cercando di infilarsi in un capillare, rallentando o addirittura interrompendo momentaneamente il flusso sanguigno. E, se rimane bloccato lì, può finire per rilasciare tutte le sue “armi” interne, normalmente riservate agli “invasori microbici”, e danneggiare i nostri vasi sanguigni. Questo potrebbe essere il motivo per cui nei giorni precedenti un ictus o un infarto, potresti riscontrare un picco nel conteggio dei globuli bianchi.

Come possiamo ridurre il livello di infiammazione nel nostro corpo?

Che il conteggio dei globuli bianchi sia solo un indicatore di infiammazione o un partecipante attivo, è meglio averne di meno che di più. Come possiamo ridurre il livello di infiammazione nel nostro corpo?

  • Stare lontano anche dal fumo passivo può aiutarti a ridurre il conteggio dei bianchi di circa mezzo punto.
  • Anche quelli che fanno esercizio sembrano avere un vantaggio, ma non sai se è causa ed effetto a meno che non lo metti alla prova. Due mesi di lezioni di Zumba – solo una o due ore a settimana – hanno portato a un calo di circa un punto e mezzo nel conteggio dei bianchi. In effetti, forse questo è uno dei motivi per cui l’esercizio è così “protettivo”. Ma è solo perché hanno perso peso?

“La forma fisica e il grasso” sembrano avere entrambi un ruolo. Più della metà (51,5%) delle persone obese con scarsa forma fisica hanno una conta dei globuli bianchi superiore a 6,6. Ma coloro che sono più in forma o che hanno meno grasso hanno meno probabilità di raggiungere livelli così alti. Naturalmente, ciò potrebbe essere semplicemente dovuto al fatto che gli atleti e le persone più magre mangiano in modo più sano, seguendo diete meno infiammatorie.

grasso in eccesso

Come facciamo a sapere che il grasso corporeo in eccesso aumenta l’infiammazione, aumenta il conteggio dei bianchi? Dovresti trovare un modo per convincere le persone a perdere peso senza cambiare la loro dieta o l’esercizio fisico. Com’è possibile? Liposuzione! Se succhi circa un litro di grasso dalle persone, puoi ridurre significativamente il loro conteggio dei bianchi di circa un punto. Quindi, forse questo dovrebbe portarci a riconsiderare il cosiddetto intervallo di riferimento normale per la conta dei globuli bianchi. Forse dovremmo controllarlo al ribasso, come abbiamo fatto per il colesterolo e i trigliceridi.

Finora abbiamo basato i valori normali solo su persone che potrebbero presentare una significativa malattia infiammatoria di fondo. Se lo limiti solo a quelli con proteina C-reattiva normale, un altro indicatore di infiammazione, allora invece di essere normale tra 4,5 e 10, forse dovremmo invece rivederlo più vicino a 3 a 9.

Le popolazioni sane

Ok, ma dove sono finite le popolazioni più sane, quelle che non soffrono dei danni causati dalle malattie infiammatorie croniche, come le malattie cardiache e i tumori comuni? Le popolazioni che seguono diete incentrate su cibi vegetali integrali hanno una media di circa 5, mentre negli Stati Uniti, all’epoca, era più vicino a 7 o 8. Il motivo per cui sappiamo che non è genetico è se prendiamo coloro che vivono con diete tradizionali rurali africane, che hanno un numero intorno a 4 o 5, e li portiamo in Gran Bretagna, finiscono per avvicinarsi a 6, 7 o 8. Ironicamente, i ricercatori hanno pensato che fosse una buona cosa, riferendosi alla conta inferiore dei bianchi nella dieta incivile come neutropenica, intendendo che avere pochi globuli bianchi fosse un problema!

Ciò non è così, infatti sempre questi individui che seguono diete rurali, durante un’infezione od in gravidanza, hanno avuto un conteggio dei globuli bianchi che arrivava fino al punto necessario. Quindi, il midollo osseo di coloro che seguono una dieta tradizionale a base vegetale aveva la capacità di creare tutti i globuli bianchi necessari.

La dieta

é stato segnalato un calo graduale del conteggio dei bianchi man mano che le diete sono diventate sempre più a base vegetale.

Ma forse ci sono fattori non alimentari, come una minore percentuale di fumatori, in coloro che mangiano più sano? Ciò di cui hai bisogno sono prove interventistiche per metterlo alla prova. Solo 21 giorni di eliminazione di carne, uova, latticini, alcol e spazzatura hanno causato un calo significativo del conteggio dei globuli bianchi, anche nelle persone che avevano iniziato con un valore inferiore a 5,7.

Quelli che hanno iniziato ancora più in alto: i pazienti con artrite reumatoide che hanno iniziato intorno ai 7? Nessun cambiamento nel gruppo di controllo che non ha cambiato la propria dieta, ma un calo di un punto e mezzo entro un mese quando si è introdotta un alimentazione a base di alimenti integrali e vegetali. Si tratta di un calo del 20%. Questo è più del calo dell’infiammazione che si potrebbe ottenere smettendo di fumare un pacchetto al giorno per 28 anni.

Trovata la causa delle malattie autoimmuni?

Il calo più straordinario che ho visto è stato in uno studio su 35 asmatici. Dopo quattro mesi di dieta a base di cibi integrali e vegetali, la conta media dei bianchi è scesa di quasi il 60%, da circa 12 a 5, sebbene non vi fosse un gruppo di controllo e non ci fossero abbastanza pazienti per raggiungere la significatività statistica.

Se la conta dei globuli bianchi è un chiaro indicatore di mortalità, così poco costoso, affidabile e disponibile, perché non viene utilizzata più spesso per la diagnosi e la prognosi? Forse è un po’ troppo economico. Il settore sembra più interessato a nuovi fantasiosi fattori di rischio da fatturare.

Bibliografia